Per una Previdenza Previdente

pubblicazioni_1_1

PER UNA PREVIDENZA PREVIDENTE
Le buone pratiche a  partire dalle libere professioni

di Mario Schiavon e Marco Bernardini
Introduzione di Tiziano Treu, Roma, Lithos, 2006
Recensione di Valentina Nanni

La data del 6 ottobre 2004 ha segnato l’entrata in vigore della Legge Delega n. 243 del 23 agosto 2004 sulla riforma delle pensioni, varata dal passato governo di centro-destra. La Riforma si fonda principalmente su due pilastri: l’innalzamento dell’età pensionabile e lo sviluppo della previdenza complementare. In particolare, i principali cambiamenti che la Legge Delega inserisce nel panorama della previdenza, assumendoli dal contesto europeo, sono l’aumento dell’età minima per la pensione di anzianità a 60 anni più 35 di contributi, oppure 40 anni di contributi, l’aumento dell’età minima per la pensione di vecchiaia (per limiti di età) a 65 anni per gli uomini e 60 anni per le donne, la possibilità di ottenere incentivi economici, il cosiddetto superbonus per i lavoratori dipendenti che decidano di restare al lavoro, pur avendo maturato il diritto alla pensione di anzianità e alcuni altri provvedimenti che mirano alla promozione, nella cultura italiana, delle forme pensionistiche complementari da affiancare a quelle obbligatorie, anche con l’introduzione della formula del silenzio-assenso ai fini del trasferimento del trattamento di fine rapporto (Tfr) ai fondi pensione.

Vai al PDF